Differenze tra le versioni di "Pagina:Il Baretti - Anno III, n. 1, Torino, 1926.djvu/6"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
<section begin="s1" /><poem>La recheranno
Misticismo antroposofico La recheranno i venti impetuosi in tutte le perii del mondo candido...
 
  +
i venti impetuosi
  +
in tutte le parti
  +
del mondo candido...
   
  +
Si arma
Si arma di tuono, di tempesta, di fuoco, di folgoro, di arcobaleno; 8’è armata e a’è allargata, e ha colpito, e 8’è rovesciata in lacrima gigante, in torrenzial pioggia, della terra sul petto ampio.
 
  +
di tuono, di tempesta,
  +
di fuoco, di folgoro,
  +
di arcobaleno;
   
  +
S’è armata
E dall’alto dei cieli occhieggia il solicello; ■’è abbeverata d’acqua la terra a sazietà.
 
  +
e s’è allargata,
  +
e ha colpito,
  +
e s’è rovesciata
   
  +
in lacrima gigante,
Ai campi, ai giardini verdi la gente dol contado non cessa di guardare.
 
  +
in torrenzial pioggia,
  +
della terra sul petto
  +
ampio.
   
  +
E dall’alto dei cieli
La gente del contado la divina grazia attendeva con trepidanza e oon preghiera.
 
  +
occhieggia il solicello;
  +
s’è abbeverata d’acqua
  +
la terra a sazietà.
   
  +
Ai campi, ai giardini
Insieme con la primavera si risvegliano i loro intimi pensieri pacifici.
 
  +
verdi
  +
la gente del contado
  +
non cessa di guardare.
  +
  +
La gente del contado
  +
la divina grazia
  +
attendeva con trepidanza
  +
e con preghiera.
  +
  +
Insieme con la primavera
  +
si risvegliano
  +
i loro intimi
  +
pensieri pacifici.
   
 
Pensiero primo:
 
Pensiero primo:
  +
il grano dalla madia
  +
versare nei sacchi,
  +
apprestare i carri.
   
  +
Ed il secondo loro
il grano dalla madia versare nei socchi, apprestare i carri.
 
  +
pensieruccio fu:
  +
dal villaggio coi carri
  +
per tempo partire.
   
  +
Il terzo pensieruccio
Ed il Beoondo loro penaieruccio fu:
 
  +
come pensarono,
  +
a Dio Signore
  +
dissero una preghiera.
   
  +
Appena giorno per i campi
dal villaggio coi carri per tempo partire.
 
  +
tutti coi carri si sparsero,
  +
e si misero a passeggiare
  +
l’uno dietro l’altra,
   
  +
col cavo della mano pien
Il terzo pensioruceio corno pensarono, a Dio Signore dissero una preghiera.
 
  +
a sparpagliare il grano,
  +
e avanti ad arare
  +
la terra con gli aratri,
   
  +
poi con la curva ''sochà''<ref>Aratro primitivo dalla Grande Russia.</ref>
Appena giorno per i campi tutti coi carri si sparsero, e si misero a passeggiare l’uno dietro l’altra, col cavo della mano pieno a sparpagliare il grano, e avanti ad arare la terra con gli aratri, poi con la curva sochà (1) a risol caro, dell’erpice col dente a pettinare...
 
  +
a risolcare,
  +
dell’erpice col dente
  +
a pettinare...
   
Ora andrò a guardare, ad ammirare quel che mandò il Signore per le fatiche agli uomini.
+
Ora andrò a guardare,
  +
ad ammirare
  +
quel che mandò il Signore
  +
per le fatiche agli uomini.
   
  +
Più alta della cintola
Più alta della cintola la segale granita sonnecchia con la spiga quasi fino a terra; come un’ospite di Dio, da tutte le parti al giorno lieto sorride; il venticello per essa fluttua e luccica, in aurea onda si sperdo correndo...
 
  +
la segale granita sonnecchia
  +
con la spiga
  +
quasi fino a terra;
   
  +
come un’ospite di Dio,
Gli uomini a famiglie si sou messi a mietere, a falciare alla radice la segale alta.
 
  +
da tutte le parti
  +
al giorno lieto
  +
sorride;
   
  +
il venticello per essa
In fa8tella frequenti i covoni son composti; dei carri tutta notte cigola la musica.
 
  +
fluttua e luccica,
  +
in aurea onda
  +
si sperdo correndo...
   
  +
Gli uomini a famiglie
8ulle aie, dovunque, oome principesse, lo biche comodamente siedono, su levate le teste.
 
  +
si son messi a mietere,
  +
a falciare alla radice
  +
la segale alta.
   
  +
In fastella frequenti
Vede il solicello che la mietitura è finita:
 
  +
i covoni son composti;
  +
dei carri tutta notte
  +
cigola la musica.
   
  +
Sulle aie, dovunque,
più freddo esso cammina verso l’autunno; ma arde il cero dol campagnolo avanti all’icona della Divina Madre.
 
  +
come principesse,le biche
  +
comodamente siedono,
  +
su levate le teste.
   
  +
Vede il solicello
(1) Aratro primitivo dalla Grande Russia.
 
  +
che la mietitura è finita:
  +
più freddo esso
  +
cammina verso l’autunno;
  +
  +
ma arde il cero
  +
del campagnolo
  +
avanti all’icona
  +
della Divina Madre.</poem><section end="s1" />
   
 
Le Edizioni del BARETTJ TORINO A. A NI AS r»;: Sara ItHa* (romanzo) L. 10,— o Vita <li Uriti ni (romanzo)» 10,— R. Franchi: La Mancherà (romanzo) «5,— !.. Pionato: ’ Pietre» 5,— P. Soi.*ni: La Piccioncino • 8,— C. Suckkrt: Italia barbara» 7,— Per j-apioni amministrative l’indirizzo Le Udizioni del Bit etti restii per tutto il mese di gennaio:
 
Le Edizioni del BARETTJ TORINO A. A NI AS r»;: Sara ItHa* (romanzo) L. 10,— o Vita <li Uriti ni (romanzo)» 10,— R. Franchi: La Mancherà (romanzo) «5,— !.. Pionato: ’ Pietre» 5,— P. Soi.*ni: La Piccioncino • 8,— C. Suckkrt: Italia barbara» 7,— Per j-apioni amministrative l’indirizzo Le Udizioni del Bit etti restii per tutto il mese di gennaio:
   
  +
Via.XX Settembre, 60 - TORINO
Via.XX Settembre, 60 - TORINO L. Cappaugi.li: l.’firtr uri tumulo spirituale, Tre saggi oomo introduzione a uuu conoscenza cosmica spirituale dell’arte. Faenza 1925.
 
  +
  +
<section begin="s2" />{{ct|f=150%|Misticismo antroposofico}}
  +
L. Cappaugi.li: l.’firtr uri tumulo spirituale, Tre saggi oomo introduzione a uuu conoscenza cosmica spirituale dell’arte. Faenza 1925.
   
 
A. Onofiii:.V»/«ro riimsi’hnrnto come urte dell’io, Bari Laterza 1925.
 
A. Onofiii:.V»/«ro riimsi’hnrnto come urte dell’io, Bari Laterza 1925.
Riga 111: Riga 189:
 
Tu confronto ai ncom’stici italiani (che rappresentano un patologico stato d’animo di guerra è un conglomerato di pascoliamo, di rousseauniancsimo, di tolstoismo e d’anarchismo contingente sentimentale. Reazione ad una con tingente situazione storica di un gruppo di anime stanche o crepuscolari, il misticismo antropoeofico dol Caffarelli © dell’Onofri ha il vantaggio di essere una concezione integrale © storica della vita, discutibile anche per chi non Faccetta.
 
Tu confronto ai ncom’stici italiani (che rappresentano un patologico stato d’animo di guerra è un conglomerato di pascoliamo, di rousseauniancsimo, di tolstoismo e d’anarchismo contingente sentimentale. Reazione ad una con tingente situazione storica di un gruppo di anime stanche o crepuscolari, il misticismo antropoeofico dol Caffarelli © dell’Onofri ha il vantaggio di essere una concezione integrale © storica della vita, discutibile anche per chi non Faccetta.
   
Armando Cavalli.
+
Armando Cavalli.<section end="s2" />
   
  +
<section begin="s3" />{{ct|f=120%|Un giudizio su Unamuno}}
Un giudizio su Unamuno Unamuno ò oggi la prima figura letteraria della Spagna. Baroin può forse superarlo per varietà di esperienza esteriore; Azorin per delicatezza d’arte, Ortega y Gasset per sottigliezza filosofica, Ayala per eleganza intellettuale, Valle Inclan per grazia ritmica; può anche darsi che per vitalità egli debba cedere 11 primo posto a questo atleta delle lettere che si chiama Blasco Ibanez. Ma Unamuno si leva al disopra di tutti per l’altezza delle concezioni c per la serietà e la lealtà con cui -— come Don Chisciotte, ha durante tutta la vita servito la pia Dulcinea per sempre irragiungibilc.
 
  +
  +
Unamuno è oggi la prima figura letteraria della Spagna. Baroin può forse superarlo per varietà di esperienza esteriore; Azorin per delicatezza d’arte, Ortega y Gasset per sottigliezza filosofica, Ayala per eleganza intellettuale, Valle Inclan per grazia ritmica; può anche darsi che per vitalità egli debba cedere 11 primo posto a questo atleta delle lettere che si chiama Blasco Ibanez. Ma Unamuno si leva al disopra di tutti per l’altezza delle concezioni c per la serietà e la lealtà con cui -— come Don Chisciotte, ha durante tutta la vita servito la pia Dulcinea per sempre irragiungibilc.
   
 
Anche un’altra ragione spiega la sua posizione preminente nelle lettere spaglinole: perchè egli, per la croce clic ha scelto di portare, incarna Io spirito della Spagna moderna. Il suo eterno conflitto tra In fede e la ragione, tra la vita e il pensiero, lo spirito c l’intelletto, il cielo c In civiltà, è il conflitto della Spagna stessa. Paese di frontiera (come la Russia) dove l’Oriente e l’Occidente mescolano le loro onde spirituali, la Spagna oscilla senza tregua tra due filosofie della vita. Iti Russia questo conflitto emerge nella letteratura del XIX secolo, in cui Dostoievschi e Tolstoi rappresento no la tendenza orientale c- Turgheniev si fa avvocato dell’Occidente. In Ispngna, paese meno conscio rii -ò -.tesso e in cui d’altra parte la fusione di Oriente c Occidente è assai più intima, data la comune Iwse della civiltà latina, il conflitto è meno evidente, meno alla superficie. Oggi Ortega y Gasset ò il nostro Turghicniev non senza variazioni; Unamuno ù il nostro Dostoievschi, mu dolorosamente penetrato dalla forza dell’ideale contrario. C’è un terzo paese d’Europa in cui l’Oriente è compreso cd ha influenza quanto l’Occidente, un terzo paese di frontiera: l’Inghilterra. Questo ci spiega l’attrazione di Unamuno per la lingua e lo letteratura inglese c In sua attenzione nel seguire gli svolgimenti del pensiero inglese. Il suo travaglio per la fusione di ideali nomici lo spiega istintivamente verso gli spiriti e le nazioni — che si opi>oiigono — pur oollaborandovi — al progresso. Cosi Unamuno, il più i>crfctto rappreseli Uni te, per le sue qualità c i suoi difetti artistici — della maschia varietà del genio spagnolo, ò inoltro — per la sua vita spirituale — il simbolo vivente della sua patria c del suo tempo. Questa è la misura più adeguata alla sua personalità.
 
Anche un’altra ragione spiega la sua posizione preminente nelle lettere spaglinole: perchè egli, per la croce clic ha scelto di portare, incarna Io spirito della Spagna moderna. Il suo eterno conflitto tra In fede e la ragione, tra la vita e il pensiero, lo spirito c l’intelletto, il cielo c In civiltà, è il conflitto della Spagna stessa. Paese di frontiera (come la Russia) dove l’Oriente e l’Occidente mescolano le loro onde spirituali, la Spagna oscilla senza tregua tra due filosofie della vita. Iti Russia questo conflitto emerge nella letteratura del XIX secolo, in cui Dostoievschi e Tolstoi rappresento no la tendenza orientale c- Turgheniev si fa avvocato dell’Occidente. In Ispngna, paese meno conscio rii -ò -.tesso e in cui d’altra parte la fusione di Oriente c Occidente è assai più intima, data la comune Iwse della civiltà latina, il conflitto è meno evidente, meno alla superficie. Oggi Ortega y Gasset ò il nostro Turghicniev non senza variazioni; Unamuno ù il nostro Dostoievschi, mu dolorosamente penetrato dalla forza dell’ideale contrario. C’è un terzo paese d’Europa in cui l’Oriente è compreso cd ha influenza quanto l’Occidente, un terzo paese di frontiera: l’Inghilterra. Questo ci spiega l’attrazione di Unamuno per la lingua e lo letteratura inglese c In sua attenzione nel seguire gli svolgimenti del pensiero inglese. Il suo travaglio per la fusione di ideali nomici lo spiega istintivamente verso gli spiriti e le nazioni — che si opi>oiigono — pur oollaborandovi — al progresso. Cosi Unamuno, il più i>crfctto rappreseli Uni te, per le sue qualità c i suoi difetti artistici — della maschia varietà del genio spagnolo, ò inoltro — per la sua vita spirituale — il simbolo vivente della sua patria c del suo tempo. Questa è la misura più adeguata alla sua personalità.
   
Salvador i>k Madariaga.
+
Salvador i>k Madariaga.<section end="s3" />
  +
  +
<section begin="s4" />{{ct|f=130%|Nadler e Troeltsch}}
  +
{{ct|f=110%|secondo Curtius}}
   
Nadler e Troeltsch secondo Curtius Nadler e Troeltsch — scrive il nostro collaboratore Curtius — hanno cercato di determinare la posizione della cultura tedesca iti rap|K>rto alla tradizione occidentale. Nadler ha dimostrato che la cultura tedesca non é quali ora di omogeneo, ma che nasco dalla compenetrazione di due complessi storici complementari; quello del sud-ovest della Cernia, nin che sulla base di una unità e continuità di esistenza romano-tedesca di millenni produsse, seguendo uno sviluppo organico, romanismo c il classicismo, c quello Nord-orientale, in cui l’elemento slavo-tctlesco fece sorgere il misticismo e il romanticismo.
+
Nadler e Troeltsch — scrive il nostro collaboratore Curtius — hanno cercato di determinare la posizione della cultura tedesca iti rap|K>rto alla tradizione occidentale. Nadler ha dimostrato che la cultura tedesca non é quali ora di omogeneo, ma che nasco dalla compenetrazione di due complessi storici complementari; quello del sud-ovest della Cernia, nin che sulla base di una unità e continuità di esistenza romano-tedesca di millenni produsse, seguendo uno sviluppo organico, romanismo c il classicismo, c quello Nord-orientale, in cui l’elemento slavo-tctlesco fece sorgere il misticismo e il romanticismo.
   
Troeltsch nel Diritto naturale c l’umanità nella guerra mondiale ha caratterizzato i due sistemi d’idee la cui opposizione condusse alla guura mondiale: da tuia parte l’ideologia dell’Europa occidentale e dell’America che ha le su— radici nelle idee, due volte millenarie, storiche e cristiano, del diritto naturale, delibi* inanità e del progresso — dall’altra la concezione storica e organica, nata dal classicismo e dal romanticismo tedeschi, che si oppone come conservatrice, aristocratica e autoritaria alla concezione occidentale democratica dello Stato. Qui un ordine eterno, razionale, stabilito da Dio, fondamento della morale e del diriito, la una incarnazione individuale sempre rinnovata c vivente dello spirito creatore della storia. Questa è la suprema differenza- Chiunque creda ri diritto naturale eterno c divino, all’identità di tutti gli uomini, al destino tino del genere umano c vi scorga l’essenza della umanità, non trova nella dottrina tedesca che una strana mescolanza di misticismo c di brutalità. Chiunque d’altra parte veda nella storia una moltiplicità eternamente vivente di individui che determinano rapporti individuali fondati su un diritto sempre nuovo non riconosce nell’ideologia occidentale che un piatto razionali: mo, un atomismo cgalitario, uua mescolanza di superficialità e di fariseismo.
+
Troeltsch nel Diritto naturale c l’umanità nella guerra mondiale ha caratterizzato i due sistemi d’idee la cui opposizione condusse alla guura mondiale: da tuia parte l’ideologia dell’Europa occidentale e dell’America che ha le su— radici nelle idee, due volte millenarie, storiche e cristiano, del diritto naturale, delibi* inanità e del progresso — dall’altra la concezione storica e organica, nata dal classicismo e dal romanticismo tedeschi, che si oppone come conservatrice, aristocratica e autoritaria alla concezione occidentale democratica dello Stato. Qui un ordine eterno, razionale, stabilito da Dio, fondamento della morale e del diriito, la una incarnazione individuale sempre rinnovata c vivente dello spirito creatore della storia. Questa è la suprema differenza- Chiunque creda ri diritto naturale eterno c divino, all’identità di tutti gli uomini, al destino tino del genere umano c vi scorga l’essenza della umanità, non trova nella dottrina tedesca che una strana mescolanza di misticismo c di brutalità. Chiunque d’altra parte veda nella storia una moltiplicità eternamente vivente di individui che determinano rapporti individuali fondati su un diritto sempre nuovo non riconosce nell’ideologia occidentale che un piatto razionali: mo, un atomismo cgalitario, uua mescolanza di superficialità e di fariseismo.<section end="s4" />
   
 
Le Edizioni del Baretti TORINO Usciranno in gennaio’.
 
Le Edizioni del Baretti TORINO Usciranno in gennaio’.
7 001

contributi