S'io mi rivolgo indietro, e guardo al fonte

Giovanni Antonio Volpi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura S’io mi rivolgo indietro, e guardo al fonte Intestazione 1 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Antonio Volpi


[p. 411 modifica]

II1


S’io mi rivolgo, e guardo al fonte
     Da cui vostro gentil sangue deriva,
     Veggio una Gente ancor, per fama, viva
     Del tempo dispregiar minacce ed onte.
5Veggio, Signor, più Duci ornar la fronte
     Di sacro alloro e di tranquilla oliva,
     (Alto soggetto onde si parli e scriva)
     A’ perigli, alla morte anime pronte.
Veggio il vostro gran Padre irne lontano,
     10Dove amor della patria il guida e sprona,
     E giacerne, ahi, la salma in lido strano.

[p. 412 modifica]

Ma se contemplo Voi, che ’l Ciel ci dona,
     Tante virtù, la mente; il cuor, la mano,
     Quì mia vista s’abbaglia, e m’abbandona.


Note

  1. Per Andrea Delfino Podestà di Padova figlio del Cav. Gio. il quale morì Bailo in Costantinopoli, e fu sepolto a Pera.