Rime (Stampa)/Rime varie/CCLXVIII

Rime varie

CCLXVIII

../CCLXVII ../CCLXIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime varie - CCLXVII Rime varie - CCLXIX

[p. 154 modifica]

CCLXVIII

Ai poeti amici.

     A voi sian Febo e le sorelle amiche,
schiera gentil, che col vivace ingegno,
con l’arte e con lo stil giungete a segno,
ove non giunser le memorie antiche.
     Voi le piú gravi cure e le nimiche
voglie acquetate, voi l’ira e lo sdegno;
voi sète dolce altrui triegua e ritegno
ne le lunghe, penose, aspre fatiche.
     Io de la interna mia cura e vivace,
fin ch’è durato il vostro dolce dire,
ho, la vostra mercé, trovato pace.
     Cosí piaccia ad Amor di stabilire
questa mia breve gioia; e chi mi sface
tenga mai sempre queto il mio disire.