Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXXXI

Rime d'amore

CXXXI

../CXXX ../CXXXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXXX Rime d'amore - CXXXII

[p. 74 modifica]

CXXXI

Egli le vieta di dir le sue ragioni.

     Poi che da voi, signor, m’è pur vietato
che dir le vere mie ragion non possa,
per consumarmi le midolle e l’ossa
con questo novo strazio e non usato,
     fin che spirto avrò in corpo ed alma e fiato,
fin che questa mia lingua averà possa,
griderò sola in qualche speco o fossa
la mia innocenzia e piú l’altrui peccato.
     E forse ch’averrà quello ch’avenne
de la zampogna di chi vide Mida,
che sonò poi quel ch’egli ascoso tenne.
     L’innocenzia, signor, troppo in sé fida,
troppo è veloce a metter ale e penne,
e, quanto piú la chiude altri, piú grida.