Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXLI

Rime d'amore

CXLI

../CXL ../CXLII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXL Rime d'amore - CXLII

[p. 79 modifica]

CXLI

Rimproveri ad Amore.

     Sovente Amor, che mi sta sempre a lato,
mi dice: — Miserella, quale or fia
la vita tua, poi che da te si svia
lui che soleva far lieto il tuo stato? —
     Io gli rispondo: — E tu perché mostrato
l’hai a questi occhi, quando’l vidi pria,
se ne dovea seguir la morte mia,
subito visto e subito rubbato? —
     Ond’ei si tace, avvisto del suo fallo,
ed io mi resto preda del mio male:
quanto mesta e dogliosa, il mio cor sallo!
     E, perch’io preghi, il mio pregar non vale,
per ciò che a chi devrebbe, ed a chi fallo,
o poco o nulla del mio danno cale.