Poesie scelte in dialetto potentino/X

X. All’Italia

../IX ../XI IncludiIntestazione 10 aprile 2020 100% Da definire

IX XI
[p. 30 modifica]

X.


All'Italia


Povera mamma nosta sfurtunara!
     Li cani ancuora corrono all’addore,
     e legge averamente decretara!
     Chi nasce afflitto scunsulare muore!
     
Ma tu si na regina ricca nara,
     Non crere ca sia fatta notte ancuora:
     Da queddi stessi ca si stà strazzara,
     Mo t’hanne da salutà da ran signora.

Tu si na creretrice a bona fere,
     Scippa quedde ca puoi alla giurnara,
     Appresse,tempo passa e Dio pruvere

[p. 31 modifica]


Si l’avucato1 vole na buccunara,
     Pe mo ca tu si ncùrena hai da cere,2
     Ca quanne pò si martiedde gn’è ata strara.

Note

  1. Chi sià l’avucato non è facile argomentare; nella prima edizione il sonetto ha questo titolo: «Chi n’aggiuta vole rruseà» cioè quegli che ci aiuta vuole guadagnare qualche cosa. La mancanza di data rende oscura l’interpretazione.
  2. adesso che sei incudine devi cedere.