Pagina:Danzi - Poesie scelte in dialetto potentino.djvu/34


— 30 —


«A Sciarrill ne lu purtamme
          Cu la teste cutulenne,
          D’acceprevere va cantenne:
          A lu spetale requià!»
                    Potenza, 1866.



(1) È inutile dire che lu ciuccio de Sciarrill è il popolo: l’asino buono, paziente ecc..., proprio come si dice oggi.

(2) stracquale: e una cinghia che circondando le natiche impedisce al basto di scendere sul collo dell’animale nella discesa.

(3) dùscia: luce, per lucerna.

(4) caccialo, mamma, ca m’ha bascià, letteralmente vuol dire: mamma, mandalo via che m’ha dato un bacio, parole che l’A. mette ih bocca al ciuccio di Sciarrill prendendole da quella di una fanciulla a cui il fidanzato, entrato ncumberenza, ha dato un bacio.

(5) futre: parola dispregiativa che si usa ancora; vale farabutto.

(6) Caprabusse era l’intimatore dei pagamenti della fondiaria, uomo quasi sempre ubbriaco: ecco perchè la sua canzone parla del zuco de d’uva.


X.


All'Italia


Povera mamma nosta sfurtunara!
     Li cani ancuora corrono all’addore,
     e legge averamente decretara!
     Chi nasce afflitto scunsulare muore!
     
Ma tu si na regina ricca nara,
     Non crere ca sia fatta notte ancuora:
     Da queddi stessi ca si stà strazzara,
     Mo t’hanne da salutà da ran signora.

Tu si na creretrice a bona fere,
     Scippa quedde ca puoi alla giurnara,
     Appresse,tempo passa e Dio pruvere