Poesie (Carducci)/Appendice/A Giulio Perticari

../

../Dai Carmina di Ludovico Ariosto IncludiIntestazione 11 febbraio 2012 100% Da definire

Appendice Appendice - Dai Carmina di Ludovico Ariosto
[p. 1051 modifica]

A Giulio Perticari.png



A GIULIO PERTICARI


Cantato nel Teatro del Rubicone in Savignano di Romagna la

sera del giorno 15 agosto 1871, anniversario della nascita.


O se tu genio presente
Qui fra’ tuoi respiri e vivi,
O se cerchi ombra silente
4Il gran Tebro e i sette clivi,
Del tuo nido Compitano
Salve, o Giulio, eterno amor,
O del bel nome romano
8Salve pio restitutor!

Quando a terra come armenti
Ci premea l’estrania soma,
Quando favola a le genti
12Il retaggio era di Roma,
Tu gridasti — Odio ed oblio,
Popol mio — , ti separâr:
Ma un sol nome Italia bella
16Tuona e appella — fra i due mar.

[p. 1052 modifica]

Dal Simeto sino al Varo
Solo un nome ti saluta
Ne l’eloquio altero e caro
20Che passò per l’età muta,
Che de i padri su gli avelli
L’alma Roma ci lasciò:
Sacra Italia! Siam fratelli,
24Sovra l’Arno e sovra il Po! —

Tu gridasti: ed or non tanto
Il tuo bel nido natio,
Ma, cessato il lungo pianto,
28Ma raccolta in un desio,
Tutta Italia rediviva,
D’un affetto e d’un pensier
Te saluta anima diva
32Co ’l Petrarca e l’Alighier.