Apri il menu principale

Pensieri e discorsi/Antonio Mordini in patria/II

../I

../III IncludiIntestazione 12 ottobre 2012 100% Da definire

Antonio Mordini in patria - I Antonio Mordini in patria - III
[p. 301 modifica]

II.


Ora non più badalucchi e battaglie e congiure e fazioni e assedii. Nei monti dove s’aggiravano Francione e Del Fante e Cesare (che fu squartato) e Guerracchino, ora le guardie forestali, ministri severi di legge qui troppo severa, e altrove troppo corriva, accorrono al focherello d’un pastore che si riscalda, o al belo tremulo d’una capra che si lamenta d’esser proscritta dove è permessa la pecora e la vacca, che fanno anch’esse, come lei, e come tutti i buoni, col gran bene anche il piccolo male. E dalla rocca ormai diruta di Sommacolonia non discende più a preparare qualche scelleratissimo eccesso contro i barghigiani medicei il repubblicano capitan Galletto: discende coi muletti carichi di carbone il... Diavolo: un buon [p. 302 modifica]diavolo, però; manso. E tutte queste buone genti, senza chieder nulla a nessuno, fanno la spola attraverso l’Oceano, vengono e vanno tra i due mondi, portano fuori la loro ingegnosa attività, riportandone qua di che comprare qualche campetto, qualche campetto che vangarono come mezzaioli e che ora vangheranno come padroni, con più gusto, certo, ma cocendo in tanto nell’antico paiolo la polenta di prima. E questa Barga libera e schietta, questa, per così dire, repubblica di San Marino dell’occidente (ella ha il suo rude San Cristofano che passava i fiumi, come San Marino passò il mare), questa Barga riposa dalla sua lunga storia di peste fame e guerra, e sogna guardando, colaggiù colaggiù, al Serchio: sogna che un buon vento le rechi un rumore... il rumore rotto, come si sente talora, del Serchio in piena, dopo le grandi pioggie... ma no, il cielo è sereno; solo una nuvoletta corre colaggiù, si fa e sfa continuamente; una nuvoletta vaga... e il rumore non dura continuo come quello del Serchio, ma s’interrompe; e un debole fischio, col buon vento di ponente, arriva sino al Giardino, sino al Fosso, sino all’Arringo... È la vaporiera. O sogno di tutta la valle! o voto supremo di Antonio Mordini!