Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/467

Pagina 467

../466 ../468 IncludiIntestazione 25 settembre 2010 100% Da definire

466 468


[p. 7 modifica] sono sparse per tutta l’opera. Non doveva dunque [p. 8 modifica]avere un proemio, non essendo propriamente in forma d’opera, ma di commentario o memoriale, ossiano ricordi e materiali. Chi si vuol far maraviglia di Senofonte, perché non se la fa di Cesare? Il quale comincia i suoi commentari de bello Gallico e Civili ex abrupto, appunto come Senofonte. E questo perché non erano storia ma commentari. Né pone alcun preambolo a nessuno de’ libri in cui sono divisi. Cosí Irzio. Eccetto una specie di avvertimento indirizzato a Balbo e premesso al lib. VIII de b. G. (il quale era necessario non per l’opera in se, ma per la circostanza ch’egli n’era il continuatore), né quel libro, né quello de b. Alexandrino, né quello de b. Africano, né quello d’autore incerto de b. Hispaniensi non hanno alcun preambolo ed entrano subito in materia.


     Da queste osservazioni deducete. 1°, Un’altra prova che Senofonte è il vero autore della Κ. Α., non Temistogene ec., trattandosi di un giornale, che non poteva essere scritto o almeno abbozzato se non in praesentia, e dallo stesso generale (come i commentari di Cesare) o almeno da qualche suo intimo confidente. Questa proprietà, di essere cioè scritta da un testimonio di