Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/353


315
Cap. 

XXX. Cancussioni di Maltane in Tarso. Risentimento degli abitanti di quella città. Macello de’ Veneti. Giustiniano sospende il corso della giustizia fattosi corrompere per denaro. I Veneti si vendicano contro Maltane. Considerazione dell’autore 

Pag. 188 
—  

XXXI. Antica istituzione dei Veredarii nelle provincie dell'Imperio, e oggetto della medesima. Riforma che per avarizia ne fa Giustiniano. Per avarizia egualmente sopprime gli esploratori. Sopprime eziandio i camelli in servizio degli eserciti. Conseguenze funeste di queste misure. 

» 190 
—  

XXXII. Giustiniano ruba l’altrui anche motteggiando. Caso del causidico Evangelo. 

» 192 
—  

XXXIII. Novità da Giustiniano e da Teodora introdotte nel cerimoniale di Corte. Teodora si arroga le prerogative appartenenti soltanto a chi è investito della somma dignità. Superbi titoli che entrambi esigono. I Magistrati perdono giornalmente il loro tempo in palazzo: disordini che ne conseguono. Condizione degli uomini di Corte. Preludio della opinione alla morte di Giustiniano 

» 193 
 

Testimonianze di antichi scrittori, in favore di Procopio storico di Cesarea 

» 197 
 

Appendice alla Storia segreta 

» 201 
 

Note alla Storia segreta 

» 209 


Appendice alle note.

N.° 

I. L’imperadore Giustino Augusto a Demostene prefetto del pretorio 

» 285 
—  

II. Sedizione de’ Vittoriati. 

» 289 
—  

III. Quadro genealogico di Giustino I, di Giustiniano e di Teodora 

» 295