Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/350


 

stragi seguite nella capitale,e nelle altre città dell’interno. Aggiungansi gli ammazzamenti di Samaritani, di Eretici, di Veneti e di Prasini. La natura stessa, alterando in varie parti dell'Imperio il suo corso, contribuisce sotto il regno di Giustiniano alla distruzione degli uomini 

Pag. 136 
Cap. 

XXI. Sogno presagitore della immensa avidità di Giustiniano. Dissipazione del tesoro di Anastasio. Titoli trovati per ispogliar tutti. Magistrati, a cui si allargano le ispezioni, o che sono creati di nuovo per guest’oggetto. Si rendono loro comuni le giurisdizioni perchè sieno più solleciti ne’ processi, e nelle esecuzioni. Messe in appalto, e in monopolio le cose necessarie alla vita. Vendita de’ governi delle provincie, accordato ogni genere di angherie e di oppressioni ai compratori, che arricchiti sono spogliati di poi. In fine fa esercitare le cariche pubbliche per propria cont. Iniquissimi uomini prescelti; e gli ultimi peggiori sempre de’ primi 

» 142 
—  

XXII. Traci e gl'Illirii, alleati de’ Romani, eccitati da lettere di Giustiniano, alzansi contro gli Unni invasori delle terre dell'Imperio, e gli abitanti di questo, già dai nemici saccheggiati, saccheggiano di nuovo. Questi gl'inseguono armati, e ricuperano le loro robe, e le persone condotte via schiave. Trattamento crudele che ne hanno da Giustiniano 

» 151 
—  

XXIII. Teodoto succeduto come prefetto del preto- 

» 153