Apri il menu principale

Nuovi poemetti/La vertigine

Il naufrago - Il prigioniero ‐ La vertigine

../La pecorella smarrita ../Il prigioniero IncludiIntestazione 13 settembre 2012 100% Da definire

La pecorella smarrita Il prigioniero
[p. 81 modifica]

LA VERTIGINE


Si racconta d’un fanciullo che aveva
perduto il senso della gravità...


i


Uomini, se in voi guardo, il mio spavento
cresce nel cuore. Io senza voce e moto
3voi vedo immersi nell’eterno vento;

voi vedo, fermi i brevi piedi al loto,
ai sassi, all’erbe dell’aerea terra,
6abbandonarvi e pender giù nel vuoto.

Oh! voi non siete il bosco, che s’afferra
con le radici, e non si getta in aria
9se d’altrettanto non va su, sotterra!

Oh! voi non siete il mare, cui contraria
regge una forza, un soffio che s’effonde,
12laggiù, dal cielo, e che giammai non varia.

Eternamente il mar selvaggio l’onde
protende al cupo; e un alito incessante
15piano al suo rauco rantolar risponde.

[p. 82 modifica]


Ma voi... Chi ferma a voi quassù le piante?
Vero è che andate, gli occhi e il cuore stretti
18a questa informe oscurità volante;

che fisso il mento a gli anelanti petti,
andate, ingombri dell’oblio che nega,
21penduli, o voi che vi credete eretti!

Ma quando il capo e l’occhio vi si piega
giù per l’abisso in cui lontan lontano
24in fondo in fondo è il luccichìo di Vega... ?

Allora io, sempre, io l’una e l’altra mano
getto a una rupe, a un albero, a uno stelo,
27a un filo d’erba, per l’orror del vano!

a un nulla, qui, per non cadere in cielo!


ii


Oh! se la notte, almeno lei, non fosse!
Qual freddo orrore pendere su quelle
31lontane, fredde, bianche azzurre e rosse,

su quell’immenso baratro di stelle!
sopra quei gruppi, sopra quelli ammassi,
34quel seminìo, quel polverio di stelle!

Su quel immenso baratro tu passi
correndo, o Terra, e non sei mai trascorsa,
37con noi pendenti, in grande oblìo, dai sassi.

[p. 83 modifica]


Io, veglio. In cuor mi venta la tua corsa.
Veglio. Mi fissa di laggiù coi tondi
40occhi, tutta la notte, la Grande Orsa:

se mi si svella, se mi si sprofondi
l’essere, tutto l’essere, in quel mare
43d’astri, in quel cupo vortice di mondi!

veder d’attimo in attimo più chiare
le costellazïoni, il firmamento
46crescere sotto il mio precipitare!

precipitare languido, sgomento,
nullo, senza più peso e senza senso:
49sprofondar d’un millennio ogni momento!

di là da ciò che vedo e ciò che penso,
non trovar fondo, non trovar mai posa,
52da spazio immenso ad altro spazio immenso!

forse, giù giù, via via, sperar... che cosa?
La sosta! II fine! Il termine ultimo! Io,
55io te, di nebulosa in nebulosa,

di cielo in cielo, in vano e sempre, Dio!