Notte (Prati, XCVIII)

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Notte Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Gelso Vento
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 224 modifica]

XCVIII

NOTTE

Chiusa è la stanza; il lumicino è spento;
tacita è l’ombra; e qui pensoso io giaccio.
L’andar dell’oriuolo, altro non sento;
e cadrò presto a’ vani sogni in braccio.
Saprá darmi letizia o turbamento
il fantastico mondo, a cui m’afTaccio?
e il cardellino o la procella o il vento
mi solverá da l’incantato laccio?
Vedrò il domani e i miei? vedrò la stanza
rivisitata da l’ambrosia luce?
Vegli su me la caritá de’ numi.
Sebben, dolce sarebbe oltr’ogni usanza,
dentro un sogno d’amor che al ciel conduce,
chiudere al tempo e non aprir piú i lumi.