Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Mercedi Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Misure del tempo Origini
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 229 modifica]

CVIII

MERCEDI

Ara il colono e la sua spiga aspetta:
piange l’amante e trovar grazia spera:
in ginocchi a l’altar la femminetta
mercede attende da la sua preghiera.
Nel eli mortai che va si presto a sera,
che folgore non va con maggior fretta,
nulla i’ chiedo né attendo. In questa spera
è si vii ciò che attrista o che diletta!
Il cor m’è fatto un solitario sasso
con qualche segno di vulcanio foco,
che fuor si mostra ad affermar ch’io vivo.
Ma va tardo il pensier col tardo passo ;
e quel, che di me resta, è cosi poco,
eh’ i’ n’ ho tormento quando parlo o scrivo.