Memoria acerba

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Memoria acerba Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Sera (Prati) Compagnia
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 206 modifica]

LXII

MEMORIA ACERBA

Quanti han flutti a passar sotto quel ponte,
di quanti ha spini a biancheggiar la valle,
quanto trifoglio ha da fiorir sul monte,
quante sui prati han da volar farfalle,
quante a inerger napee le ambrosie spalle
han ne’ lavacri di quel glauco fonte,
e quanti spettri per diverso calle
hanno i guadi a varcar dell’Acheronte,
pria che si spegna in me delle perdute
e amate cose la memoria acerba,
che veleggia con me su questo mare!
La santa compagnia per mia salute
mai non mi lascia: il resto è color d’erba,
che sorride un istante e piú non pare.