Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto XLII

Canzone IX Canzone X

[p. 43 modifica]

SONETTO XLII.


POco era ad appressarsi agli occhi miei
     La luce che da lunge gli abbarbaglia:
     Che, come vide lei cangiar Tessaglia,
     4Così cangiato ogni mia forma avrei:
E s’io non posso trasformarmi in lei
     Più ch’i’ mi sia, non ch’a mercè mi vaglia;
     Di qual pietra più rigida s’intaglia,
     8Pensoso ne la vista oggi sarei;
O di diamante, o d’un bel marmo bianco
     Per la paura forse, o d’un diaspro
     11Pregiato poi dal volgo avaro, e sciocco:
E sarei fuor del grave giogo, ed aspro;
     Per cu' i’ ho invidia di quel vecchio stanco
     14Che fa con le sue spalle ombra a Marrocco.