Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/126


PARTE 43

70Nè so ben'anco che di lei mi creda.
Canzon; se l’esser meco
     Dal mattino alla sera
     t’ha fatto di mia schiera;
     tu non vorrai mostrarti in ciascun loco:
     75et d’altrui loda curerai sì poco,
     ch’assai ti fia pensar di poggio in poggio,
     come m’ha concio ’l foco
     di questa viva petra, ov’io m’appoggio.


SONETTO XLII.


POco era ad appressarsi agli occhi miei
     La luce che da lunge gli abbarbaglia:
     Che, come vide lei cangiar Tessaglia,
     4Così cangiato ogni mia forma avrei:
E s’io non posso trasformarmi in lei
     Più ch’i’ mi sia, non ch’a mercè mi vaglia;
     Di qual pietra più rigida s’intaglia,
     8Pensoso ne la vista oggi sarei;
O di diamante, o d’un bel marmo bianco
     Per la paura forse, o d’un diaspro
     11Pregiato poi dal volgo avaro, e sciocco:
E sarei fuor del grave giogo, ed aspro;
     Per cu' i’ ho invidia di quel vecchio stanco
     14Che fa con le sue spalle ombra a Marrocco.