Le rime di M. Francesco Petrarca/Canzone X

Sonetto XLII Canzone XI

[p. 44 modifica]

CANZONE X.


NOn al suo amante più Dïana piacque,
Quando per tal ventura tutta ignuda
La vide in mezzo delle gelid'acque;
Ch’a me la pastorella alpestra, e cruda
5Posta a bagnar un leggiadretto velo,
Ch’a Laura il vago, e biondo capel chiuda;
Tal, che mi fece or quand’egli arde il cielo,
Tutto tremar d’un amoroso gielo.