Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto LXVI

Sonetto LXV Sonetto LXVII

[p. 73 modifica]

SONETTO LXVI.


SÍ tosto come avvien che l’arco scocchi,
     Buon sagittario, di lontan discerne,
     Qual colpo è da sprezzare, e qual d’averne
     4Fede ch’al destinato segno tocchi;
Similemente il colpo de’ vostr’occhi,
     Donna, sentiste a le mie parti interne
     Dritto passare: onde conven, ch’eterne
     8Lagrime per la piaga il cor trabocchi.
E certo son, che voi diceste allora;
     Misero amante! a che vaghezza il mena?
     11Ecco lo strale ond'Amor vol, ch'e' mora.
Ora veggendo, come ’l duol m’affrena;
     Quel che mi fanno i miei nemici ancora,
     14Non è per morte, ma per più mia pena.