Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CXLVI

Sonetto CXLV Sonetto CXLVII

[p. 138 modifica]

SONETTO CXLVI.


GEri, quando talor meco s’adira
     La mia dolce nemica, ch’è sì altera,
     Un conforto m’è dato, ch’i’ non pera,
     4Solo per cui vertù l’alma respira;
Ovunqu'ella sdegnando gli occhi gira,
     Che di luce privar mia vita spera;
     Le mostro i miei pien’ d’umiltà sì vera,
     8Ch’a forza ogni suo sdegno indietro tira.
Se ciò non fosse, andrei non altramente
     A veder lei, che ’l volto di Medusa;
     11Che facea marmo diventar la gente.
Così dunque fa tu; ch’i’ veggo esclusa
     Ogni altr'aita, e ’l fuggir val niente
     14Dinanzi all’ali che ’l Signor nostro usa.