Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CXLV

Sonetto CXLIV Sonetto CXLVI

[p. 138 modifica]

SONETTO CXLV.


AMor mi sprona in un tempo, ed affrena;
     Assecura, e spaventa; arde, ed agghiaccia;
     Gradisce, e sdegna, a sè mi chiama, e scaccia:
     4Or mi tene in speranza, ed or' in pena.
Or alto, or basso il mio cor lasso mena,
     Onde ’l vago desir perde la traccia;
     E ’l suo sommo piacer par che li spiaccia;
     8D’error sì novo la mia mente è piena.
Un' amico pensier le mostra il vado,
     Non d’acqua che per gli occhi si risolva,
     11Da gir tosto ove spera esser contenta:
Poi; quasi maggior forza indi la svolva;
     Conven ch’altra via segua, e mal suo grado
     14Alla sua lunga, e mia morte consenta.