Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCLXIV

Sonetto CCLXIII Sonetto CCLXV

[p. 217 modifica]

SONETTO CCLXIV.


ANima bella da quel nodo sciolta
     Che più bel mai non seppe ordir Natura,
     Pon’ dal ciel mente a la mia vita oscura,
     4Da sì lieti pensieri a pianger volta.
La falsa opinïon dal cor s’è tolta,
     Che mi fece alcun tempo acerba et dura
     Tua dolce vista: omai tutta secura
     8Volgi a me gli occhi, e i miei sospiri ascolta.
Mira ’l gran sasso, donde Sorga nasce,
     Et vedra’vi un che sol tra l’erbe et l’acque
     11Di tua memoria et di dolor si pasce.
Ove giace il tuo albergo, et dove nacque
     Il nostro amor, vo’ ch’abbandoni et lasce,
     14Per non veder ne’ tuoi quel ch’a te spiacque.