Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCLV

Sonetto CCLIV Sonetto CCLVI

[p. 212 modifica]

SONETTO CCLV.


I mi soglio accusare, et or mi scuso,
     Anzi me pregio et tengo assai più caro,
     De l’onesta pregion, del dolce amaro
     4Colpo, ch’i’ portai già molt’anni chiuso.
Invide Parche, sì repente il fuso
     Troncaste, ch’attorcea soave et chiaro
     Stame al mio laccio, et quello aurato et raro
     8Strale, onde morte piacque oltra nostro uso!
Chè non fu d’allegrezza a’ suoi dì mai,
     Di libertà, di vita alma sì vaga,
     11Che non cangiasse ’l suo natural modo,
Togliendo anzi per lei sempre trar guai
     Che cantar per qualunque, e di tal piaga
     14Morir contenta, et viver in tal nodo.