Le favole di Esofago da Cetego/V

Favola V.
LA FORTUNA, ED UN CORNO.

../IV ../VI IncludiIntestazione 16 settembre 2008 75% fiabe

IV VI


Passeggiando la Fortuna per un prato fiorito s’inciampò in un Corno. Fermatasi a quest’inciampo, vedendo, che alla sua destra sedevano sovra una ripa alcuni Pastori colle loro Ninfe, che custodivano la greggia, quelli interrogò, chi di loro fosse venuto a pettinarsi in quel prato; ma nessuno rispose. Rivoltasi alla sinistra, e veggendo parecchi cavalieri, che colle dame stavano sovra un’altra ripa trescando, fece a quelli la stessa interrogazione, ed uno di essi rispose: son io, son io, che mi sono colà pettinato (indicando il luogo, ove trovossi il Corno); ma di quel Corno non ne sono informato. Allora la Fortuna sorridendo disse: tanto basta; il resto è mia invenzione per mantener, bisognando, il lustro dell’agnazione. Ciò detto si mise le ali ai piedi, e volò nell’Etruria per farne il servizio ad un Professor della Crusca.


Moralità.
Mater certa etc.