Apri il menu principale

Invido sol, che riconduci a noi

Faustina Maratti

1833 I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 5 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 35 modifica]

XVI


Invido Sol, che riconduci a noi
     Pria dell’usato il luminoso giorno:
     Odo il nitrito de’ corsieri tuoi,
     Già miro l’alba frettolosa intorno.
5Deh non partire, o Sol, da’ flutti Eoi:
     Lascia che l’ombre ancor faccian soggiorno:
     Col puro scintillar degli astri suoi
     Non è il Cielo men bello o meno adorno.
Se pietoso trattieni un qualche istante

[p. 36 modifica]

     10I raggi, e il corso, io sull’altar di Delo
     Voglio svenarti un’agna ancor lattante
Ah sordo Nume io t’ho pregato invano!
     Tu sorgi, e al sorger del tuo raggio in Cielo
     Gir dee l’altro mio Sol da me lontano.