Il mio presentimento

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Il mio presentimento Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Speranza (Prati) Fanciullo e fanciullo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 177 modifica]

VII

IL MIO PRESENTIMENTO

A notar che ogni di batte piú lento
il core a me nel solitario petto,
e, piú che posa il mar del sentimento,
mi s’illumina il ciel dello intelletto;
a veder che piú viva ogni momento
m’arde la fantasia, tremo in sospetto
d’esser la face che al picchiar del vento
l’ultimo lampo suo manda piú schietto.
E ben esser potria che, pellegrino
da qui piú sempre, per fuggir di soli,
io fossi ad altri padiglion vicino,
piú palesi al pensier, quando si spezza
l’urna che il chiude. Ma, comunque voli
l’ora al quadrante, ni’è il cantar dolcezza.