Apri il menu principale
CVI. Della provincia di Mie (Mien)

../CV ../CVII IncludiIntestazione 22 dicembre 2018 75% Da definire

CVI. Della provincia di Mie (Mien)
CV CVII

[p. 149 modifica]

cvi (cxxv)

Della provincia di Mie (Mien).

Sappiate che quando l’uomo ha cavalcate quindici giornate per questo cosí diverso luogo, l’uomo truova una cittá c’ ha nome Mien (Amien), molto grande e nobile1; e la gente è d’idoli, e sono al Gran Cane, e hanno linguaggio per loro. E in questa cittá hae una molto ricca2 casa. Che anticamente fu in questa cittá un molto ricco re; e, quando venne a morte, lasciò che da ogni capo della sua sepoltura si dovesse fare una torre, l’una d’oro e l’altra d’ariento. E queste torre sono fatte com’io vi dirò: ch’elle sono alte bene dieci passi, e grosse come si conviene a quella altezza; la torre si è di pietre, tutta coperta d’oro di fuori, ed èvvi grosso bene un dito, sí che vedendola pare pure d’oro. E di sopra è tonda, e quel tondo è tutto pieno di campanelle, e sono dorate,3 che suonano tutte le volte che ’l vento vi percuote. L’altra è d’ariento, ed è fatta nè piú nè meno che quella d’oro. E questo re le fece fare per sua grandezza e per sua anima; e dicovi che gli è la piú bella cosa del mondo a vedere e di maggiore valuta. E ’l Gran Cane conquistò questa provincia, com’io vi dirò.4 Il Gran Cane disse a tutti i giullari, che avea in sua corte, che voleva ch’andassero a conquistare la provincia de Mia (Mien), e darebbe in loro compagnia quegli d’Aide e quegli di Caveita. Li giullari dissoro che volentieri. Vennoro qui5 con questa gente i giullari e presono questa provincia. Quando furono a questa cittá, viddono cosí bella cosa di queste torri, mandarono a dire al Gran Cane la bellezza di queste torri, e la richezza e ’l modo come furono [p. 150 modifica]fatte, e ov’elle erano, e se voleva che le disfacessono e mandassongli l’oro e l’ariento. E lo Gran Cane, udendo che quello re l’avea fatte fare per la sua anima e per ricordanza di lui, mandò comandando che non fossono guaste, anzi vi stessono per cului che l’avea fatte fare, cioè il re che fu di quella terra. E di cioè non fue maraviglia, perciò che niuno tartero non tocca cosa di niuno uomo morto. Egli hanno leonfanti assai e buoi salvatichi grandi e belli, e di tutte bestie in grande abbondanza. Ora abbiamo detto di questa provincia, e dirovvi d’un’altra e’ ha nome Gangala.

  1. Berl. * e (cavo) dele (altre) zente.
  2. Fr. couse.
  3. Pad. che sonava...
  4. 'Pad. Ala corte... era una gran moltitudine de zugolari e de strazatori (Fr, tregiteor). El signor i disse ch’el voleva che i andasseno a conquistar la provinzia de Miem, e ’l ghe darave bon capetanio e grande altorio (Fr. cheveitain et aide).
  5. Pad. con el capitanio e con...