Apri il menu principale

Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/164

150 il milione

fatte, e ov’elle erano, e se voleva che le disfacessono e mandassongli l’oro e l’ariento. E lo Gran Cane, udendo che quello re l’avea fatte fare per la sua anima e per ricordanza di lui, mandò comandando che non fossono guaste, anzi vi stessono per cului che l’avea fatte fare, cioè il re che fu di quella terra. E di cioè non fue maraviglia, perciò che niuno tartero non tocca cosa di niuno uomo morto. Egli hanno leonfanti assai e buoi salvatichi grandi e belli, e di tutte bestie in grande abbondanza. Ora abbiamo detto di questa provincia, e dirovvi d’un’altra e’ ha nome Gangala.

VII (cxxvi)

Della provincia di Gangala (Bangala).

Gangala è una provincia verso mezzodí, che negli anni Domini

mcclxxxx, che io Marco era nella corte del Gran Cane, ancora non l’avea conquistata; ma tuttavia v’era l’oste e sua gente per conquistarla. In questa provincia egli hanno re, e hanno loro linguaggio, e sono pessimi idoli; e sono a’ confini dell’India:1 qui v’hae molti erniosi. Li baroni di quella contrada hanno li buoi grandi come lionfanti2. Egli vivono di

  1. Pad. el n’è molti omeni castradi (Fr. maint escuiles), * li quali sono compradi dai mercadanti, li quali i menano a vender ai baroni per diverse provinzie: [ancora se ne vende schiavi in questa provinzia].
  2. Pad. * ma non sono cussi grosi.