Il dí men triste

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Il dí men triste Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Regno Parola stoica
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 193 modifica]

XXXVIII

IL DI MEN TRISTE

Eccoti di Merlin l’arca vermiglia:
chiedi ’l futuro di, se te ne cale.
I’so che il saper troppo in terra è male,
e ciò del dimandar mi disconsiglia.
A quel ch’avviene i’ so che s’assimiglia
quel ch’avverrá: né preconoscer vale
ad evitar. Fortuna orba ci piglia
in crudel signoria dal di nataie.
L’oggi e Pier che giá sai tollera in pace:
né raffrettar del tuo dimán l’acquisto,
cui non saputo la speranza infiora.
Chi troppo sa, nell’ampio mondo giace
nudo di desiderio. Il di mcn tristo
è pur sempre, cred’io, quel che s’ignora.
G. Prati, Poesia, 11.