Parola stoica

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Parola stoica Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Il dí men triste E neppur questo!
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 194 modifica]

XXXIX

PAROLA STOICA

Salda cosa non è sotto la luna
che non dilegui. Come corte l’ali
avete, o vane borie de’ mortali,
sotto lo cieco imperio di fortuna!
Tutte il tempo vi sperpera: solo una
cosa resiste a’ suoi nefandi strali ;
e, piú eh’è cinta di miserie e mali,
ferocemente in sé piú si rauna.
I’ vo dir la magnanima costanza,
che trae l’Olimpo, e qualche volta, ahi dira!
sa far de’ numi e dell’etá vendetta.
Poco ad anima forte è mutar stanza,
quando nulla quaggiú le placa l’ira,
e piú d’un nel romito Orco l’aspetta.