Apri il menu principale

Il contrattempo/Lettera di dedica

Lettera di dedica

../ ../L’autore a chi legge IncludiIntestazione 9 luglio 2019 25% Da definire

Il contrattempo L’autore a chi legge

[p. 379 modifica]A SUA ECCELLENZA IL SIGNOR

GIO. BATISTA CATTANEO

DEL FU Eccellentissimo Sic. Niccolò PATRIZIO GENOVESE (D.

MOLTE sono le grazie ed i henefizj, che ho ricevuti dall’amo’ rosissimo Signore Agostino Connio, mio Suocero, ma il mag- giore fra questi si e l’aver io col suo mezzo il patrocinio del- l’E. V. acquistato. Egli, che gode l’avvantaggio della di Lei protezione, ha ottenuto dal di Lei animo generoso un luogo per me fra gli umili servi suoi, e perche meglio conosca il pregio del benefizio, mi ha provveduto di maravigliose notizie intomo ai pregi altissimi dell’E. V. e della sua Nobilissima Casa. Alle voci rispet- tose e sincere del Suocero mio intesi dopo far eco da cento altre che da costì derivano, portando anche tra noi la fama le antiche glorie della di Lei Famiglia, e quelle recenti della di Lei sì il- lustre persona. Fra gli altri stimoli al desiderio mio di rivedere codesta Serenissima Dominante, il più forte, il più veemente è quello di presentarmi all’E. V., mio novello benignissimo Protettore, per ammirar da vicino quei pregi in Lei, che ora venero di lontano. Ma poiché i sofferti incomodi e le successive combinazioni dello stato mio non mi hanno permesso, ne mi permettono presentemente di farlo (2), conviemmi differire a me medesimo un tal onore ; ma almeno con quest’umile riverente foglio vuo pubblicare al mondo r acquisto da me ora fatto di un sì eccelso, di un sì magnanimo Mecenate.

(1) Questa lettera di dedica fu stampata la prima volta nel 1755, nel t. VIII (falsam. 1754) dell’ed. Raperini di Firenze. (2) Doveva il Goldoni recarsi a Genova nella primavera del 1754, con la compagnia dei comici di S. Luca, ma si ammalò a Modena (voi. VI della presente «^lizione. p. 355). Vedi anche più sotto. [p. 380 modifica]E questa sincera protesta mia non ad altro tende, se non se a farmele conoscere, che ben inteso son io della dolce ma- niera con cui Ella tratta, la gentilezza ammirabile del di Lei co- stume, il maturo di Lei consiglio, la singoiar benignità, la since- rità del cuore suo, e l’onore che godo della di Lei protezione.

Poca lode a me sembra delle persone che vivono il far derivare la gloria loro da quella degli antenati; se ciò bastasse, chi più dell’E. V. vantar puh in ogni secolo illustri Personaggi, amplissimi Senatori, Dogi eccelsi, che la Prosapia sua feconda resero di dignità e di grandezze? Ne meno dalla ricchezza del patrimonio piacemi trar motivo per esaltare chi la possiede; ma ben l’È. V. merita essere lodato ed esaltato, perchè sa essere umile fra le ricchezze, ed agli onori, che ha dagli Avi suoi ricevuti, sa rendere colle sue virtudi gloria e splendor maggiore.

Per dare all’E. V. un pubblico testimonio dell’ossequio mio, pensai di consacrarle una di quelle Commedie che do alle stampe, ma l’offerta e così tenue e meschina, che arrossisco di me medesimo, non trovandomi cosa da presentarle, che degna sia del di Lei merito e del di Lei grado.

Eppure mi anima a farlo il fortunato incontro che hanno cotali Opere mie in codesta Serenissima Dominante ottenuto. Una Città sì colta, di peregrini ingegni fornita, in cui la letteratura ed il buon gusto fiorisce (niente meno del valor massimo e della vera giustizia), troppo onore ha fatto alle miserabili mie fatiche, acco- gliendole con sì distinto gradimento, che la fortuna han fatto de’ Comici da me diretti 0), che nella Primavera passata, in uno di co- desti Teatri, ne hanno parecchie rappresentate. Doveva io pure trovarmi in tale occasione a godere di grazie cotanto segnalate, ed ebbi cento amorosi eccitamenti, e stimoli, e pressantissimi inviti, ma volle il destino che una malattia di due mesi mi togliesse un sì bel contento.

Godei non per tanto delle relazioni all’onor mio vantaggiose, e queste mi hanno eziandio incoraggito a presentare all’È. V.

( I ) Allude il Goldoni alla Compagnia del teatro di S. Luca, che recitò a Genova nella primavera del 1754. [p. 381 modifica]un di que partì medesimi, che costì sono dall’unioersal compa- titi. Pub essere per avventura, che questa tale Commedia che all’E. V. umilmente dedico e raccomando, non sia costì per se stessa delle più fortunate nel pubblico gradimento, ma lo sarà ben Ella a riguardo del magnanimo Mecenate, che le ho per gloria mia procurato.

Sono tutte mie figlie le Commedie che vo facendo, e le amo tutte egualmente. Esse, a guisa appunto delle Fanciulle (le quali, se hanno dei tratti odiosi per essere disprezzate da alcuno, hanno poi qualche grata avvenenza per allettar alcun altro) trovano sorte varia per lo più dove, o per via delle stampe, o da Comici At- tori vengono pubblicate. Se questa in Genova non avrà fortuna, sarà segno che demerito avrà maggior delle altre; se dispiacerà all’E. V., ne risentirò maggior pena; e siccome nel destinare la offerta delle Opere mie non uso a far di esse la scelta, ma l’ordine serbo, nello stamparle, che a princìpio ho loro prefisso, così non avero io a rimproverarmi d’aver errato.

Che se anzi voless’io riflettere sull’argomento della Commedia medesima, giungerei forse a credere, che ad un Cavaliere di tanta saviezza non sia per dispiacere la critica di coloro che per poca prudenza commettono de’ contrattempi, e si rovinano, e alle per- sone oneste odiosi si rendono. Qualunque ella sia V Opera che della protezione dell’E. V. viene onorata, averà sempre il fregio di portare il di Lei Nome in fronte, ed io sarò compiutamente felice, se potrò gloriarmi di essere, quale con profondisssimo osse- quio mi rassegno Di V. E.

Umiliss. Devotiss. ed Obbligatiss. Serv. Carlo Goldoni. [p. 382 modifica]