Il Canzoniere (Bandello)/Alcuni Fragmenti delle Rime/XCV - Quel rossignuol che giorno e notte ognora

XCV - Quel rossignuol che giorno e notte ognora

../XCIV - Dolce cantar d'Amore ../XCVI - Se l'infinita vostra alma beltade IncludiIntestazione 5 maggio 2009 75% Poesie

XCV - Quel rossignuol che giorno e notte ognora
Alcuni Fragmenti delle Rime - XCIV - Dolce cantar d'Amore Alcuni Fragmenti delle Rime - XCVI - Se l'infinita vostra alma beltade

 
Quel rossignuol che giorno e notte ognora
nel bel giardin cantando in dolci lai
forse si sfoga, o saluta i dí gai
che Primavera adduce e pigne Flora,

rammentar fammi e m’appresenta l’ora5
quand’ i begli occhi vostri rimirai,
Donna gentil, e dentro a quei lasciai,
misero, l’alma, che v’alberga ancora.

Da indi in qua tornato al Toro è il sole
cinque fïate, e finch’io resti in vita10
mi vedrá sempre nei vostr’occhi preso.

Ma duolmi sol che ’l vento le parole
ne porte, ahi lasso! né ritrovi aíta,
ch’allenti il fuoco ov’io son tanto acceso.