Il Canzoniere (Bandello)/Alcuni Fragmenti delle Rime/XCVI - Se l'infinita vostra alma beltade

XCVI - Se l'infinita vostra alma beltade

../XCV - Quel rossignuol che giorno e notte ognora ../XCVII - Se 'l gran Poeta che cantò d'Ulisse IncludiIntestazione 5 maggio 2009 75% Poesie

XCVI - Se l'infinita vostra alma beltade
Alcuni Fragmenti delle Rime - XCV - Quel rossignuol che giorno e notte ognora Alcuni Fragmenti delle Rime - XCVII - Se 'l gran Poeta che cantò d'Ulisse

 
Se l’infinita vostra alma beltade
ov’ogni grazia, ogni valor si miete,
fa ch’Amor preso e disarmato avete
con quelle de’ begli occhi ardenti spade:

or ch’egli a voi dinanzi vinto cade,5
e l’arco e le facelle sue tenete,
voi la beltá, l’amor, la gloria sète,
per cui superba splende nostr’etade.

E de’ begli occhi vostri i dolci rai
mostrano aperto quanta mai dolcezza10
donasse il ciel a donna qui fra noi.

Ch’onestá tanta, né sí gran bellezza
occhio mortal non vide in terra mai,
e men vedralla chi verrá dappoi.