Apri il menu principale

I divoratori/Libro secondo/XXVII

XXVII

../XXVI ../XXVIII IncludiIntestazione 20 luglio 2019 75% Da definire

Libro secondo - XXVI Libro secondo - XXVIII

[p. 394 modifica]

XXVII.

· · · · · ·

«Miniera di San Juan.

«Nancy,

«E' finita l'attesa. Gli anni sono passati, i neri, tristi anni d'assenza e di solitudine.

«Parto di qui, per ritornare a te.

«Tu mi verrai incontro a Genova. E siederemo ancora su quel balcone dove — or sono tanti anni — tu mi dicesti del tuo Libro non scritto, del tuo Libro che temevi dovesse morire, come un bimbo non nato, nel tuo seno. Vengo a condurti a Porto Venere, bianca nel sole, come una Naiade che bagni la punta del piede nelle celesti acque marine. E il tuo Libro vivrà, vivrà alfine.

«E noi, anche, vivremo!... O Nancy, Nancy! Io sono da tanti anni così muto e solitario, che il mio amore non ha più parola. E nella mia vita buia e vuota la gioia entra come una piccola ombra spaurita, già pronta a volar via.

«Io l'afferro e la stringo, e le grido: «Resterai! Hanno termine alfine la solitudine e l'esilio!» Ma essa, la piccola ospite straniera, non lo crede.

«Anch'io non oso credere alla mia felicità, da troppi, troppi anni sospirata. Ma poi dico a me stesso che il cuore di Nancy non è un cuore che possa mutare. Nancy avendomi amato un giorno, m'ama, e m'amerà.

«E le parole che anni or sono, la trassero traverso l'Oceano a me, oggi ancora, oggi ancora me la riporteranno: — «Nancy, vieni a me!» [p. 395 modifica]

«Alle mie vuote braccia, al mio triste e solitario cuore! Vieni, Nancy. Vieni subito. E per sempre».