Fatto ti se', Giovagne, contadino

Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Fatto ti se', Giovagne, contadino Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Signor, tanto me piacquer tuoi salute Andando per via nova e per via maggio
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 8 modifica]

XIV

Ad un amico, che vive nel contado.

Fatto ti se’, Giovagne, contadino,
e mane e sere mange coi bevolche,
e fai zappare e metter forme e solche,
4e bee aceto adacquato per fin vino,
e frasche vai mozzando col falcino;
con trista compagnia ti leve e colche:
onde ti prego che piú non ti folche
8a ritornare al tuo dolce camino.
Saper ti fo novella men, che bona:
el padre e ’l figlio stettero a gran rischio,
11ché ’nvelenate fuòr dal badalischio.
L’uno è scampato, e de ciò si ragiona,
ma sempre porterá nel viso un ríschio;
14per l’altro s’oderan que’triste sona
Vanne, sonetto, davanti a Giovanni,
e di’ che Francischin de biso ha panni.