Elettra (Euripide - Romagnoli)/Secondo stasimo

Secondo stasimo

../Secondo episodio ../Terzo episodio IncludiIntestazione 29 novembre 2019 75% Da definire

Euripide - Elettra (413 a.C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1930)
Secondo stasimo
Secondo episodio Terzo episodio
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I poeti greci tradotti da Ettore Romagnoli

Indice dell'opera, volumi I / VI

[p. 73 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0076.png


CORO
Slrofe I
È fama, e ormai canizie
la copre antica: un dí.
Pan, dei monti custode,
che spira entro compagini di calami
la soave melode,
alla madre rapí
dai monti d’Argo un riccioluto agnello,
che avea tutt’oro il vello.
E gridava l’araldo dai marmorei gradini:
«Correte, o cittadini,
correte tutti all’assemblea, vedete
il prodigio, il segnacolo
della felicità dei nostri principi!»
E suonavan le case d’Atreo di danze liete.

Antistrofe I
Le porte son degli aurei
santuari dischiuse:
per tutta Argo scintilla
sopra gli altari il fuoco; e la bellissima

voce del flauto squilla.

[p. 74 modifica]

ministro delle Muse;
e il vello d’oro suona in ogni canto,
onde Tieste ha vanto.
Avea questi in furtivo letto d Atrèo suasa
la moglie, e alla sua casa
addotto aveva il magico tesoro.
Onde, tornato al popolo
adunato, annunciò che in casa propria
esso aveva il cornigero agno dal vello d oro

Strofe II
Allora Giove i lucidi
sentier’ degli astri, allora
mutò del sole il rutilo
vampo, ed il riso della bianca Aurora.
Quello alle plaghe esperie
la fiammëa sviò divina corsa;
mosser Tumide nubi, incontro all’Orsa;
e, priva di rugiada,
arida fu d’Ammone la contrada,
senza cader di Giove
le bellissime piove.

Antistrofe II
Narrano — e a ciò che narrano
di questo, io credo poco —
che il sol gli ardenti tramiti
sviò dell’aureo foco:
perché d’un uom giustizia
fosse, tutta patí l’umana prole.

Lucro le paurose umane fole

[p. 75 modifica]

recan dei Numi ai riti.
Tu non pensasti a ciò, donna, d’arditi
eroi sorella, e a morte

ponesti il tuo consorte.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0078.png