Apri il menu principale
Prefazione

../Nota del traduttore ../Perchè sono tanto saggio IncludiIntestazione 7 dicembre 2015 100% Da definire

Friedrich Nietzsche - Ecce Homo (1888)
Traduzione dal tedesco di Aldo Oberdorfer (1922)
Prefazione
Nota del traduttore Perchè sono tanto saggio
[p. 11 modifica]

1.


Poichè prevedo che fra breve dovrò presentarmi all’umanità col più grave problema che le sia mai stato posto, mi pare indispensabile ch’io dica chi sono. In fondo, si potrebbe saperlo, perchè non ho mancato di «portare documenti sul mio conto». Ma la sproporzione tra la grandezza del mio assunto e la piccolezza dei miei contemporanei s’è palesata nel fatto ch'io non sono stato udito, e neppure veduto. Io vivo del mio proprio credito; forse, è un semplice pregiudizio, questo, ch’io vivo?..... Basta che parli uno degli uomini colti che vengono a passare l’estate nell’Alta Engadina, perché mi persuada ch’io non vivo..... In tali condizioni c’è un dovere contro cui si rivolta fin nell’intimo l‘abitudine e, più, la fierezza dei miei istinti: quello di dire: Ascoltatemi! Poichè in sono così e così, Sopra tutto, non mi scambiate con un altro!


2.


Per esempio, io non sono affatto un orco, un mostro d’immoralità: sono il contrario di quella specie d’uomo che finora è stata onorata come virtuosa. Detto fra noi, mi pare che proprio questo debba essere motivo d’orgoglio per me. Sono un discepolo del filosofo [p. 12 modifica]Dionysos, preferirei d’essere un satiro, più tosto che un santo. Ma basterà leggere questo libro. Forse m’è riuscito — forse, tutto lo scritto non aveva altro scopo — di esprimere questo contrasto con serenità e bonarietà. L’ultima cosa che io mi sognerei di promettere sarebbe di «migliorare» l’umanità. Io non innalzo nuovi idoli; gli antichi, forse, potrebbero imparare da me, che significhi avere i piedi d’argilla. Rovesciare gl’idoli — così io chiamo gli ideali — ecco il mio ufficio. Fino a tal segno la realtà fu privata del suo valore, del suo significato, della sua sincerità, quando fu bugiardamente inventato un mondo ideale..... Il «vero mondo» e il «mondo apparente»; in tedesco: il mondo inventato e la Realtà..... La menzogna dell’Ideale è stata finora la maledizione della Realtà; l’umanità stessa n’è stata travisata e falsata fino ne’ suoi più intimi istinti, fino all’adorazione dei valori opposti a quelli che soli potrebbero garantirle il suo fiorire, l’avvenire e l’alto diritto all’avvenire.


3.


Chi sa respirare l’aria che circola ne’ miei scritti, sa ch’è l’aria delle grandi altezze, ch’è un’aria fine. Bisogna esserci nati, altrimenti si corre il rischio di buscarsi un raffreddore. Il ghiaccio è vicino, la solitudine è immane — ma come riposano tranquille le cose, nella luce! come si respira liberamente! quante cose si sentono sotto di sè!

La filosofia, nel senso in cui finora l’ho interpetrata e vissuta io, è libera vita tra i ghiacci, in alta montagna, è la ricerca di tutto ciò che v’ha di strano e di enigmatico nell’esistenza, di tutto ciò che finora era inibito dalla morale. Per una lunga esperienza acquisita in questo aggirarmi su territorio proibito, imparai a considerare le ragioni per cui finora s’è fatto della morale e dell’idealismo, in modo molto diverso da quello che si sarebbe potuto desiderare: [p. 13 modifica]venni in tal modo a scoprire la storia intima dei filosofi la psicologia dei loro grandi nomi. Quanta verità sopporta, di quanta verità è capace uno spirito? — questa diventò sempre più per me la vera misura dei valori. L’errore — la fede nell’ideale — non è cecità, l’errore è viltà..... Ogni conquista, ogni passo innanzi sulla via della conoscenza è una conseguenza diretta del coraggio, della durezza verso sè stessi, dell’intransigenza verso sè stessi..... Io non confuto gli ideali, soltanto mi metto i guanti davanti ad essi..... Nitimur in vetitum: sotto questo vessillo trionferà un giorno la mia filosofia, poichè finora è stata sempre proibita, per principio, soltanto la verità.


4.


Fra i miei scritti sta a sè il mio Zarathustra. Con esso io ho fatto all’umanità il più grande regalo che mai le sia stato fatto. Questo libro la cui voce si propaga lontana nei secoli è non soltanto il libro più alto che ci sia, il vero libro delle grandi altezze — tutto il fenomeno «Uomo» giace ad un’immensa distanza sotto di lui, — esso è anche il più profondo, nato dal più intimo seno della Verità; è un pozzo inesauribile in cui non scende secchia che non rimonti piena d’oro e di bontà. Qui non parla alcun «profeta», nessuno di quegli orribili ermafroditi misti di malattia e di volontà di dominio, che si chiamano fondatori di religioni. Sopra tutto bisogna badare al tono che esce da questa bocca, — tono alcionico — per non far miserevolmente torto al senso della sua saggezza. «Le parole più calme son quelle che portano la tempesta; pensieri che vengono su piedi leggeri di colomba governano il mondo».

«I fichi cadono dall’albero, sono dolci e buoni; e, mentre cadono, si spezza la loro buccia rossa. Io sono il vento di tramontana per i fichi maturi.

«Come fichi, dunque, cadono fino a voi questi [p. 14 modifica]ammaestramenti, amici miei; godetene ora il succo e la dolce polpa! L’autunno è d’intorno, e il cielo sereno, e il pomeriggio».

Qui non parla un fanatico, qui non si «predica», qui non si esige fede: da un’immensità di luce, da una profondità di gioia infinita cade goccia su goccia, parola su parola; una tenera lentezza è il «tempo» che regola queste parole. Solo i più scelti arrivano a ciò; non è piccolo il privilegio di poter star qui ad ascoltare; non tutti possono comprendere Zarathustra..... E, tuttavia, Zarathustra non è un seduttore?..... Ma che dic’egli quando ritorna per la prima volta nella sua solitudine? Proprio l’opposto di ciò che direbbe in un caso simile un «Savio» o un «Santo» o un «Redentore» o un altro decadente qualunque..... E non solo egli parla diversamente: egli è anche diverso!......

«Ora io vado solo, o miei discepoli! Andatevene anche voi, e soli! Così voglio.

«Andate lungi da me e difendetevi da Zarathustra! Meglio ancora: vergognatevi di lui! Forse egli v’ha ingannati.

«L’uomo che tende alla conoscenza non solo deve poter amare i suoi nemici, deve anche poter odiare i suoi amici.

«Si rimerita male un maestro se si rimane sempre soltanto scolari. E perchè non volete strappar foglie alla mia corona?

«Voi mi venerate: ma che sarebbe di voi se l’oggetto della vostra venerazione un giorno crollasse? Badate di non farvi uccidere da una statua.

«Voi dite d’aver fede in Zarathustra? Ma che importa di Zarathustra! Voi siete i miei fedeli? Ma che importa di tutti i fedeli del mondo!

«Voi non avevate ancora cercato voi stessi; allora, trovaste me. Così fanno tutti i fedeli; perciò la fede ha così poco valore.

«Ed ora vi ordino di perdere me e di trovare voi stessi; e soltanto allora, quando voi tutti mi avrete rinnegato, ritornerò a voi...».




[p. 15 modifica]In questo giorno perfetto in cui tutto matura e non l’uva sola s’indora, un raggio di sole è caduto sulla mia vita: ho guardato dietro a me, ho guardato di fuori, nè mai ho visto tante e così buone cose in una volta. Non invano ho seppellito oggi il mio quarantaquattresimo anno, io potevo bene seppellirlo: ciò che v’era in esso di Vita è conservato, è immortale. Il primo libro dell’Inversione dei valori, i Canti di Zarathustra, il Crepuscolo degli idoli, il mio tentativo di fare della filosofia a colpi di martello — tutti doni di quest’anno, anzi degli ultimi tre mesi! — Come potrei non essere riconoscente a tutta la mia vita?

E perciò mi racconto la mia vita.