Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Di che? Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Dopo il naufragio Natura
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 205 modifica]

LIX

DI CHE?

Di che sei trista? A che si grave il ciglio
movi, o dolce Neera, e il piò si lento?
Lascia fuggir, come fogliette al vento,
queste malinconie senza consiglio.
Godi il breve tuo di : tedio e lamento
ogni fresca beltá pone in periglio.
Da’ retta a i savi ; e con le man di giglio
afferra il ciuffo al rapido momento.
La bella gioventú passa, o Neera,
come un sogno d’arnor fatto su l’erba
a l’argentino romorio deU’acque;
e col gaio tornar di primavera
non torna il sogno, ma una larva acerba,
che si poco somiglia al ben che piacque.