Di aprile vi do vita senza lagna

Cenne da la Chitarra

Aldo Francesco Massera XIII secolo/XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Di aprile vi do vita senza lagna Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Di marzo vi riposo in tal maniera Il maggio voglio che facciate in Cagli
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XVII. Cenne dalla Chitarra d'Arezzo
[p. 177 modifica]

V

Aprile.

Di aprile vi do vita senza lagna:
laváni a schiera con asini a tresca,
ragghiando forte, per che non v’incresca,
4quanti ne sono in Perósa o Bevagna;
con birri romaneschi di campagna,
e ciascadun di pugna si vi mesca:
e, quando questo a gioco non riesca,
8ristori i marri de’ pian di Romagna.
Per danzatori vi do vegli armini;
una campana, la qual peggio suona,
11stormento sia a voi, e non rifini.
E quel, che ’n millantar si largo dona,
in ira vegna de li suoi vicini,
14per che di cotal gente si ragiona.

12