Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Cicala Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nume è chi crea Senza lui
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 203 modifica]

LV

CICALA

Dentro i maggesi, nelle notti estive,
canta, col ventre in su, la cicaletta.
Lasciatela che canti: anch’ella vive,
e spende l’ora in ciò che le diletta.
A un po’ di cielo e a due campestri rive
ella fa il canto, povera e soletta;
ed una è forse delle antiche dive,
che pensa e i giorni del suo regno aspetta.
Lasciatela che canti ed accompagni
il pellegrin, che va sotto la luna,
quando il silenzio intorno è piú romito.
E, mentr’ella cosí sparge i suoi lagni,
pensate che a le Parche e a la Fortuna
è del par la cicala e l’infinito.