Apri il menu principale
Franco Sacchetti

1392 C Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Che puo' tu far più ora, iniquo mondo Intestazione 29 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Franco Sacchetti


[p. 409 modifica]Avvenne poi che la fortuna nimica d’ogni bene, con tradimenti e avvelenati colpi, diede morte al detto messer Pietro, lunedì il dì di santa Barbera, a dì 2 del mese d’ottobre, alle 19 ore, anno 1392.

     Che può’ tu far più ora, iniquo mondo,
E qual signor volgera’ tu fortuna?
Da poi che ambizion con voi s’aduna
4Un buon che c’era avete messo al fondo.
     Lasso, ch’io son colui che mi confondo,
Veggendo quanti mal sotto la luna
Questa Italia misera raguna
8A disfar ciaschedun ch’è più giocondo.

[p. 410 modifica]

     E quand’io penso chi si vuol far degno
E soprastar nel colmo della rota,
11D’ira mi mordo et ardo di disdegno.
     Gentilezza e virtù son nella mota,
Ciascun villan di signorìa voi segno,
14E così ’l cerchio uman del ben si vôta.


Testi correlati