Apri il menu principale

Canti di Castelvecchio/Canti di Castelvecchio/Il fringuello cieco

Il fringuello cieco

../L'usignolo e i suoi rivali ../La canzone dell'ulivo IncludiIntestazione 31 dicembre 2010 100% Da definire

Canti di Castelvecchio - L'usignolo e i suoi rivali Canti di Castelvecchio - La canzone dell'ulivo
[p. 99 modifica]

IL FRINGUELLO CIECO



Finch... finchè nel cielo volai,
finch... finch’ebbi il nido sul moro;
c’era un lume, lassù, in ma’ mai,
un gran lume di fuoco e d’oro,
che andava sul cielo canoro,
spariva in un tacito oblio...

Il sole!... Ogni alba nella macchia,
ogni mattina per il brolo,
“Ci sarà?„ chiedea la cornacchia;
“Non c’è più!„ gemea l’assïuolo;
e cantava già l’usignolo:
“Addio addio dio dio dio dio...„

Ma la lodola su dal grano
saliva a vedere ove fosse.
Lo vedeva lontan lontano
con le belle nuvole rosse.
E, scesa al solco donde mosse,
trillava: “C’è, c’è, lode a Dio!„

[p. 100 modifica]


“Finch... finchè non vedo, non credo„
però dicevo a quando a quando.
Il merlo fischiava: “Io lo vedo„;
l’usignolo zittìa spiando.
Poi cantava gracile e blando:
“Anch’io anch’io chio chio chio chio...„

Ma il dì ch’io persi cieli e nidi,
ahimè che fu vero, e s’è spento!
Sentii gli occhi pungermi, e vidi
che s’annerava lento lento.
Ed ora perciò mi risento:
“O sol sol sol sol... sole mio?„