Canti (Leopardi - Ginzburg)/A un vincitore nel pallone

V. A un vincitore nel pallone

../Nelle nozze della sorella Paolina ../Bruto minore IncludiIntestazione 10 ottobre 2020 75% Da definire

Giacomo Leopardi - Canti (1819 - 1831)
V. A un vincitore nel pallone
Nelle nozze della sorella Paolina Bruto minore

[p. 25 modifica]

V

A UN VINCITORE NEL PALLONE

     Di gloria il viso e la gioconda voce,
garzon bennato, apprendi,
e quanto al femminile ozio sovrasti
la sudata virtude. Attendi attendi,
5magnanimo campion (s’alla veloce
piena degli anni il tuo valor contrasti
la spoglia di tuo nome), attendi e il core
movi ad alto desio. Te l’echeggiante
arena e il circo, e te fremendo appella
10ai fatti illustri il popolar favore;
te rigoglioso dell’etá novella
oggi la patria cara
gli antichi esempi a rinnovar prepara.

     Del barbarico sangue in Maratona
15non colorò la destra
quei che gli atleti ignudi e il campo eleo,
che stupido mirò l’ardua palestra,
né la palma beata e la corona
d’emula brama il punse. E nell’Alfeo
20forse le chiome polverose e i fianchi
delle cavalle vincitrici asterse
tal che le greche insegne e il greco acciaro

[p. 26 modifica]

guidò de’ Medi fuggitivi e stanchi
nelle pallide torme; onde sonaro
25di sconsolato grido
l’alto sen dell’Eufrate e il servo lido.

     Vano dirai quel che disserra e scote
della virtú nativa
le riposte faville? e che del fioco
30spirto vital negli egri petti avviva
il caduco fervor? Le meste rote
da poi che Febo instiga, altro che gioco
son l’opre de’ mortali? ed è men vano
della menzogna il vero? A noi di lieti
35inganni e di felici ombre soccorse
natura stessa: e lá dove l’insano
costume ai forti errori esca non porse,
negli ozi oscuri e nudi
mutò la gente i gloriosi studi.

     40Tempo forse verrá ch’alle ruine
delle italiche moli
insultino gli armenti, e che l’aratro
sentano i sette colli; e pochi Soli
forse fien volti, e le cittá latine
45abiterá la cauta volpe, e l’atro
bosco mormorerá fra le alte mura;
se la funesta delle patrie cose
obblivion dalle perverse menti
non isgombrano i fati, e la matura
50clade non torce dalle abbiette genti
il ciel fatto cortese
dal rimembrar delle passate imprese.

     Alla patria infelice, o buon garzone,
sopravviver ti doglia.
55Chiaro per lei stato saresti allora

[p. 27 modifica]

che del serto fulgea, di ch’ella è spoglia,
nostra colpa e fatai. Passò stagione;
che nullo di tal madre oggi s’onora:
ma per te stesso al polo ergi la mente.
Nostra vita a che val? solo a spregiarla:
beata allor che ne’ perigli avvolta,
se stessa obblia, né delle putri e lente
ore il danno misura e il flutto ascolta;
beata allor che il piede
spinto al varco leteo, piú grata riede.