Biografia di Frà Paolo Sarpi/Vol. II/Appendice bibliografica/Sezione seconda/Classe terza

Poligrafia

../Classe seconda Biografia di Frà Paolo Sarpi/Vol. II/Appendice bibliografica/Sezione terza IncludiIntestazione 24 luglio 2016 75% Da definire

Vol. II - Classe seconda Vol. II - Sezione terza
[p. 385 modifica]

Classe Terza.


poligrafia.


I. Opere inedite esistenti ancora.


1.° Lettere latine a Filippo Mornay: se ne trovano più esemplari MSS.

2.° Altre al Leschassier, al Gillot ed al Casaubono non ancora pubblicate; ma che si trovano in più esemplari MSS.

3.° Lettere italiane ad Antonio Foscarini ambasciatore veneto in Francia e a Francesco Castrino.

     Sono 40: da un esemplare non autografo appartenuto all’or ora defunto conte Domenico Almorò Tiepolo patrizio veneto ne furono tirate varie copie, fra le quali una n’ebbi io dalla cortesia di quell’ottimo patrizio.

4.° Lettere varie che versano per lo più intorno l’inquisizione, in un vol. MS. in pergamena già appartenuto all’archivio secreto di Venezia, ed ora nella Biblioteca di Brera a Milano.


II. D’incerta esistenza.


1.° Historia Conciliorum ordine alphabetico exarata. 2. vol. in fol. Vedi nel Capo I pag. 9.

2.° Compendio delle Vite de’ Papi da San Pietro fino a Paolo V.

     Esisteva in autografo fra i MSS. del doge Foscarini, e fu veduta anco dal Grisellini. Il doge ci fa sapere che era un’opera imperfetta, che di soli venti pontefici l’autore parla con qualche [p. 386 modifica]estensione, e sopra tutto di Paolo V usando concetti di laude non che di riverenza. Degli altri si spiccia in poche parole. Frà Fulgenzio vi aveva giunto la vita di Gregorio XV e di Urbano VIII.

3.° Della Podestà de’ principi.

     Il Sarpi aveva stilizzato i tre primi capitoli e ordinate le rubriche dei rimanenti che dovevano essere in tutto 206. Giorgio Contarini, in potere del quale venne l’originale, lo mostrò ad assai dotte persone onde trovare chi volesse compier l’opera; ma nissuno ardì cimentarvisi. Frà Fulgenzio a cui siamo debitori di queste notizie non dice quale fosse il preciso têma dell’opera, ma pare che dovesse avere molta affinità con quello trattato poi dottamente da Pietro De Marca nella sua celebre Concordia del Sacerdozio e dell’Impero.

4.° Una raccolta di Pensieri civili e politici nei quali, dice il Foscarini, si rappresenta il carattere delle passioni e si dipingono i costumi e si danno precetti per regolare la vita.

     Sta incerto se sia opera del Sarpi. Il codice era scritto da Frate Franzano scrivano del Sarpi; ma vi erano correzioni, per lo più di ortografia, di Frà Fulgenzio, e passò anco in mano degli eredi di lui. Pensa adunque Foscarini che i pensieri fossero del Sarpi, ma gettati senza ordine come ei soleva, indi raccolti, ordinati e corretti da Fulgenzio.

5.° Memorie intorno la storia de’ suoi tempi, raccolte da Frà Paolo per uso del Presidente de Thou.

     Come ho detto a suo luogo, un esemplare di queste fu portato in Inghilterra da Bedell, tradotto in lingua inglese. Ignoro se l’originale sia stato annullato, o se deposto dopo la sua morte negli archivi secreti.


III. Perdute.


1.° Il trattato anatomico sulla scoperta delle valvole nelle vene e sulla circolazione del sangue.

     Era possieduto da Frà Fulgenzio nelle mani del quale fu veduto dal Wesling professore di anatomia a Padova. [p. 387 modifica]

2.° Analisi delle dottrine degli antichi filosofi e degli scolastici.

     Ne parlano Frà Fulgenzio ed il Morofio.

3.° Della ricognizione delle equazioni: trattato matematico.

     È ricordalo da Alessandro Anderson.

4.° Sopra il moto delle acque e particolarmente sul flusso e riflusso del mare: trattato fisico.

5.° Intorno la ripugnanza che prova la natura umana per l’ateismo: trattato filosofico.

6.° Medicina dell’animo: trattato morale.

7.° Un breve opuscolo intorno la scomunica, la sua origine, uso ed effetti.

     Questi quattro ultimi trattati sono citati da Frà Fulgenzio.