Apri il menu principale

Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750/332

Anno 332

../331 ../333 IncludiIntestazione 25% Da definire

331 333


[p. 1193 modifica]

Anno di Cristo CCCXXXII. Indizione V.
SILVESTRO papa 19.
COSTANTINO imperadore 26.
Consoli

PACAZIANO ed ILARIANO.

Trovasi Anicio Paolino continuare in quest’anno ancora nella prefettura di Roma. Se vogliam riposar sull’asserzione di quella mala lingua di Zosimo3315, da che Costantino si perdè tutto dietro alla fabbrica di Costantinopoli, non si curò più di far guerra, ed attese solamente a darsi bel tempo. Cinquecento Taifali, nazione scitica, fecero con soli cinquecento cavalli un’irruzione nel paese romano (probabilmente in quest’anno), e non solamente niuna schiera loro oppose Costantino, ma anche, dopo aver perduta la maggior parte dell’esercito suo, allorchè vide comparire sino ai trincieramenti del suo campo i nemici che davano il sacco alla campagna, si mise fuggendo con gran fretta in salvo. Ho tradotto le stesse parole di Zosimo, acciocchè il lettore comprenda la contraddizione di questo appassionato storico. Se Costantino perdè tanti de’ suoi armati, il che suppone qualche battaglia, come non oppose egli gente a que’ Barbari? Ma nè questi svantaggi della cesarea armata, nè la fuga dell’invitto imperadore son cose da credere a Zosimo, venendo egli smentito da Eusebio scrittore contemporaneo3316, [p. 1195 modifica]e da s. Girolamo3317, e da Socrate3318, e da Sozomeno3319. Sotto quest’anno san Girolamo scrive che i Romani vinsero i Goti; perciocchè con questo nome usarono molti di comprendere molte delle nazioni scitiche, Tartari da noi chiamate oggidì, si può conghietturare ch’egli significasse i Taifali di Zosimo. Eusebio anch’esso ci assicura che Costantino soggiogò le dianzi indomite nazioni degli Sciti e dei Sarmati. E Socrate attesta bensì che i Goti fecero delle incursioni nel territorio romano, ma soggiugne che Costantino li vinse. Abbiamo anche dall’Anonimo Valesiano3320 che i Sarmati, pressati dalla guerra che lor facevano i Goti, implorato l’aiuto di Costantino, l’impetrarono; e che per la buona condotta di Costantino Cesare circa cento mila di que’ Barbari perirono di fame e di freddo. Pare perciò che Costantino, primogenito dell’Augusto Costantino, quegli fosse che un titolo di generale a nome del padre guerreggiasse coi Goti: il che si può anche inferire da Giuliano Apostata3321. A ciò si dee unire lo scriversi da Idacio3322 che i Goti furono sconfitti dai Romani nel paese de’ Sarmati, correndo il dì 22 d’aprile dell’anno presente. Secondo l’Anonimo Valesiano3323, Ararico o sia Aorico, re dei Goti, per tale riconosciuto anche da Giordano3324 istorico, fu poscia obbligato a chiedere pace, per sicurezza della3325 quale diede alcuni ostaggi, e fra essi un suo figliuolo. Anche Aurelio Vittore3326 ed Eutropio3327 riconobbero vinti da Costantino Augusto i Goti; di maniera che le dicerie di Zosimo si scuoprono effetti unicamente del suo mal cuore verso di un imperadore sì glorioso e degno. Abbiamo inoltre nelle medaglie3328 autenticati questi fatti colla memoria della VICTORIA GOTHICA. E qui Eusebio3329 osserva un riguardevol pregio dell’Augusto Costantino. Erano stati soliti non pochi de’ precedenti imperadori di pagare alle nazioni barbare confinanti un annuo regalo, che in sostanza era un tributo, ed indizio che i Romani si professavano come sudditi e servi de’ Barbari. Non volle l’invitto Costantino sofferir questo vergognoso aggravio; e perchè ricusò di pagare, ebbe guerra con que’ popoli. Confidato nella protezione di quel divino Signore, colla cui croce egli procedeva nelle guerre, domò tutti coloro che osarono di fargli resistenza; nè più pagò loro tributo: il che vien confermato da Socrate3330. Gli altri Barbari poi che non presero l’armi ammansò egli in tal maniera con prudenti ambascerie, che li ridusse da una vita senza legge e simile alle fiere ad una civile ed umana forma di vivere, imparando in fine gli Sciti ad ubbidir ai Romani. Così Eusebio vescovo di Cesarea, egregio testimonio di tali affari, perchè vivente e scrivente allora le sue Storie. Ma esso Eusebio, nel descrivere le azioni di Costantino, perchè si prefisse di compilar quelle solamente che riguardavano la di lui pietà, non si curò delle altre che concernevano la di lui gloria civile e militare; e però non sappiamo distintamente in che consistessero le sue guerre e vittorie contra dei Goti e d’altri Barbari. Se fossero pervenute sino a’ dì nostri le storie di Prassagora Ateniese, conosciute da Fozio3331, e quelle di Bemarco Cesariense, mentovate da Suida3332, siccome ancora le Vite degl’imperadori composte da Eunapio, autori che trattarono de’ fatti di [p. 1197 modifica]Costantino, altre particolarità noi sapremmo ora della di lui vita. Tanto nondimeno a noi resta da potere smentire la licenza di Zosimo ostinato pagano. Nè si dee tacere aver asserito Socrate3333 e Sozomeno3334 che le vittorie di Costantino, riportate nelle guerre coi Goti, fecero visibilmente conoscere la protezione di Dio sopra questo principe, in guisa tale che moltissimi d’essi Goti, convinti anche per tale osservazione della verità della religion cristiana (passata settanta anni prima nelle lor contrade coll’occasion degli schiavi cristiani), la abbracciarono e professarono, benchè infettata dagli errori d’Ario. Abbiamo ancora dal sopraccitato storico Giordano3335 che Alarico, re allora d’essi Goti, provvide all’armate di Costantino quaranta mila de’ suoi soldati, i quali sotto nome di collegati cominciarono a militare al di lui servigio. Se costoro vollero i danari de’ Romani, convenne che da lì innanzi se li guadagnassero col servire negli eserciti cesarei.