Al falegname

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Al falegname Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Neve Ideale
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 233 modifica]

CXV

AL FALEGNAME

Per illepido riso o fatuo pianto
se del mondo de’ vivi è poco degno,
questo mio libro e il breve ultimo canto
a te, fabro di feretri, consegno.
Con brune fasce per funereo manto
corcalo in bara d’odorato legno;
né, se in gleba sinistra o in loco santo
tu lo nasconda, avrò letizia o sdegno.
Pur, se una brama che mi punge al core
vuoi ch’io t’esprima, al pallido volume
dá’ per sepolcro un cespuglietto in fiore.
E allor chi sa che su le frondi amiche
to talor non riveggia, al bianco lume
delle stelle, danzar l’ombra di Psiche.