Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Ai soli Intestazione 24 settembre 2021 75% Da definire

Duro pensier Notte (Prati, XCIV)
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 222 modifica]

xciii

AI SOLI

     Va romito il leon per suo sentiero;
apre romita al ciel l’aquila il volo:
sia nobil tedio o voluttá d’impero,
ogni forte nel mondo è sempre solo.
     E ai due forti la selva e il roseo polo
abbelliscon di gloria e di mistero
la formidabil via, chiusa a lo stuolo
dell’altre belve che non han pensiero.
     A l’altre belve che in armento vanno,
piace greppia e servigio. Ai due potenti,
di turpe schiavitú nulla è piú indegno.
     S’estinguono talor d’ira e d’affanno
in ferree gabbie. Ma lá pur tu senti
spirar dai moribondi aura di regno.