Agli altri mali de la nostra terra

Niccolò de' Rossi

Aldo Francesco Massera XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Agli altri mali de la nostra terra Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Non se reze questa nostra cittade Monna la Furia e monna la Violenza
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XX. Messer Niccolò Rosso
[p. 223 modifica]

LII

Quali siano i mali, che guastano la sua cittá.

Agli altri mali de la nostra terra,
c’hanno deserta guelfi e ghibilini,
questo vi cumulano i cittadini:
4ch’onni di fanno ensieme nova guerra.
51 sdegno cum la envidia, che i afferra,
gli rende tanto miseri e topini,
che parlando detranno lor vicini;
8unde ferite e morte poi si sferra.
Ni pensano lo numer’di’ zentili,
ni quanta zente la cittade porta:
11ché sono tre pedoni e dui arfili.
Ma per la gran soperbia, che v’è orta,
zascun, ch’offende, piú se tien presato,
14che non fu Roma nel suo mazor stato.