Agamennone (Alfieri)/Atto quinto/Scena III

../Scena II

../Scena IV IncludiIntestazione 14 giugno 2012 100% Da definire

Atto quinto - Scena II Atto quinto - Scena IV

[p. 97 modifica]


SCENA TERZA.

Egisto, Agaménnone dentro.


Egisto.

ESci, o Tieste, dal profondo Averno,
Esci; or n’è tempo: in questa Reggia or mostra
L’orribil’ombra tua: largo convito,
Godi, or di sangue ti s’appresta; al figlio 135
Del tuo infame nemico ignudo pende
Già già l’acciar sul cor; già già si vibra;
Perfida moglie il vibra: ella il dovea,
Non io: più dolce a te fia la vendetta,
Quanto è maggiore a compierla il delitto ... 140
Meco l’orecchie attentamente porgi

[p. 98 modifica]

A quanto entro si fa; securo statti,
Che amor, timore a necessario fallo
Menan la iniqua donna.


Agaménnone.

Oh tradimento! ...
Tu, Sposa, tu? ... Mi moro! ... oh tradimento ! ... 145


Egisto.

Muori, sì, muori: e tu raddoppia i colpi;
Ferisci, uccidi; entro quel cor nascondi
Tutto il pugnal. Quel sangue infame tutto
Versalo tu: bagnar voleasi il crudo
Nel sangue nostro.